Società offshore: cosa, come e perché

By Mario Gastaldi

Cos'è una società offshore 

Una società offshore è una società costituita in una giurisdizione diversa da quella in cui sei residente. È semplicemente una società estera.

Il termine ha una connotazione negativa e viene associato dalla stampa disinformata a reati di natura fiscale o al riciclaggio.

Ogni giurisdizione del mondo è “offshore” se è diversa da quella in cui hai la residenza. Spesso invece si pensa che le giurisdizioni “offshore”, dove si costituiscono  queste società, siano solo i piccoli paesi dei Caraibi o dell’Oceano Indiano.

In realtà, se vivi in Costarica, e costituisci una società in Inghilterra o in Canada, o in Wyoming (Stati Uniti) stai costituendo una società offshore, allo stesso modo in cui un residente in Germania costituisce una società a Panama.

Se vivi in Costarica (o dovunque) potresti anche costituire una società offshore in Italia.

Ti fa sorridere?

Non è uno scherzo, ma ovviamente è pura teoria. Nessuno lo fa, perché l’Italia non è davvero un posto attraente dove costituire una società.

Continuando con gli esempi: se sei residente a Mauritius e costituisci una società locale, a Mauritius (es. una Limited Company), questa non è una società offshore. Lo sarebbe se la tua residenza fiscale fosse in Malesia o in Italia.

Né l’Inghilterra, né il Canada né gli Stati Uniti sono comunemente considerati paradisi fiscali, però sono tra le giurisdizioni che offrono la possibilità ai residenti di altri paesi di costituire società e pagare tasse spesso basse, o nulle. Sono essi stessi paradisi fiscali competitivi che attraggono investitori dall’estero.

Quindi raggiungiamo una prima conclusione.

Le società offshore non sono intrinsecamente legali o illegali, morali o immorali.

Ciò che le rende legali o illegali dipende da:

  1. il rispetto o il mancato rispetto delle leggi del paese in cui la società è costituita, 
  2. il rispetto delle leggi del/i paese/i in cui i soci o gli amministratori hanno la residenza fiscale.

Fatta questa premessa ti offro due suggerimenti.

  1. Costituisci una società offshore solo se vivi, o quando andrai a vivere (e avrai la residenza fiscale personale), in un paese con tassazione territoriale o che non abbia CFC Rules. Nei paesi con i CFC Rules è necessario dichiarare la proprietà delle quote della società, e naturalmente i redditi prodotti dalla società estera. Il vantaggio fiscale viene meno. Oppure costituiscila se pensi di avere la residenza fiscale personale in un paese che, nonostante abbia i CFC rules, sia caratterizzato da una bassa tassazione sul reddito delle persone. Se sei residente in Italia (paese con CFC Rules stringenti) costituire una società offshore non ha senso. Scarica la Guida ai sistemi di Tassazione nel Mondo per saperne di più.
  2. Non costituire società in nessun paese se la tua scelta non fa parte di una attenta strategia di espatrio e internazionalizzazione, e se non hai studiato le ramificazioni di ogni tua scelta. Qui da noi, e in molti siti internet puoi comprare un servizio di costituzione di società offshore in decine di giurisdizioni. In pochi click puoi avere la tua società offshore. E poi? Il fatto di costituire una società in un qualunque paese fa nascere degli obblighi a tuo carico nel paese in cui la costituisci, e con tutta probabilità nel paese in cui sei fiscalmente residente. Quindi non costituire società se non hai un piano preciso e non conosci le conseguenze di ogni passo.

Perché costituire una società offshore

Costituire una o più società in paesi diversi da quello in cui sei fiscalmente residente ha molte applicazioni pratiche vantaggiose per gestire il tuo business, e i tuoi investimenti e proprietà.

È una delle bandiere che puoi piantare in uno o più paesi in modo coerente con la tua strategia di internazionalizzazione.

Naturalmente devi rispettare le leggi del paese in cui hai o avrai la residenza fiscale.

Benefici di costituire una società offshore

Diversificazione

Avere la residenza fiscale personale in una giurisdizione diversa da quella in cui hai costituito la/le società con cui gestisci i tuoi affari ti offre il vantaggio di non avere relazioni unicamente con un paese ed in generale un grado di libertà e protezione superiore.

Riduzione delle imposte

Se studiata adeguatamente, la struttura giuridica estera che impieghi per la gestione del tuo business, nel contesto della tua situazione complessiva, può garantirti enormi benefici fiscali.

Protezione del patrimonio

Una società offshore può servire come veicolo per la gestione di proprietà intellettuali, immobiliari o digitali in una giurisdizione con leggi a te favorevoli.

Bassi costi di gestione

Nonostante le norme stiano cambiando in conformità con quanto indicato dall’iniziativa BEPS, normalmente gli adempimenti amministrativi che nascono dalla tipica società offshore sono molto ridotti, leggeri e poco costosi.

Bassi requisiti di capitalizzazione

Normalmente è possibile costituire una società con poco o nessun capitale versato. Questo rende molto semplice accedere ad una entità giuridica per gestire i tuoi affari.

Il tuo piano di costituire società offshore deve essere parte del tuo piano complessivo di espatrio, che include dove acquisirai la residenza fiscale personale, quali paesi ti piacciono per viverci, il futuro dei figli, le imposte personali, le imposte della società.

Criteri per la scelta della giurisdizione

Come scegliere la giurisdizione dove costituire la tua società?

Dove sei o sarai fiscalmente residente

Se sei fiscalmente residente in Italia, o in un paese con CFC rules, dovrai dichiarare i redditi prodotti attraverso la società estera.

Il vantaggio di crearla scompare. Costituire un’entità giuridica estera ha senso quando sei residente in un paese con tassazione territoriale. È anche necessario considerare le nuove legislazioni che stanno venendo approvate in molte giurisdizioni per seguire la direzione tracciata dall’OCSE con riferimento all’iniziativa BEPS. Ne parlo alla fine dell’articolo.

Il tipo di business che fai e gli scopi che hai

Se gestisci un Amazon FBA, oppure offri consulenza, o programmazione di software, oppure compri la società per la gestione di investimenti e risparmi, o come holding che detiene quote di altre società, le tue scelte cambiano completamente.

Dove puoi aprire il tuo conto corrente e utilizzare mezzi di pagamento moderni

Visitando i siti web delle varie offerte di compagnie offshore vedrai che, a volte, le società vengono vendute con la lista delle banche che accettano tra i clienti società in quella giurisdizione. Alla fine dipende da te, dal tuo business e dalla giurisdizione se la banca ti aprirà il conto corrente oppure no. Prima di aprirlo verifica con la banca. Potresti avere necessità di essere presentato. Oppure potresti scoprire che non ti apriranno il conto e dovrai scegliere un’altra giurisdizione.

Dove sono i tuoi clienti

A seconda del tuo business e di dove sono i tuoi clienti, il fatto che la tua società sia in Belize o in Canada può fare molta differenza. In alcuni paesi occidentali a tassazione alta, certi paesi sono in Black list solo perché la loro imposizione media è più bassa di una certa percentuale rispetto a quella dei paesi che producono la stessa lista.

Se i tuoi clienti sono imprese che vogliono portare a costo le fatture, non vorranno riceverne da paesi in blacklist. Ma se il tuo business è un Amazon FBA o dropshipping al dettaglio, la situazione può essere molto differente e darti maggiore libertà di movimento.

Esistono comunque modi di gestire anche il problema delle fatture da paesi in Black list, e ne parleremo in un altro articolo.

Per altri aspetti, il fatto che tu venda prodotti o servizi in un paese determina obblighi fiscali a prescindere da dove la tua società sia costituita: pensa al Sistema VAT Moss in Europa, o alle varie forme di Webtax che l’Italia ed altri paesi stanno studiando e approvando.

Dove sono sono i tuoi collaboratori

Dall’Italia agli Stati Uniti, passando per molti altri paesi, avere uffici, collaboratori fisicamente e stabilmente occupati in un dato paese configura una “stabile organizzazione” in quel paese. Avere una stabile organizzazione è uno dei criteri, se non il principale, che molti paesi utilizzano per stabilire la residenza fiscale delle attività di business. In date circostanze, una società costituita in un paese, che ha collaboratori in un altro paese, potrebbe avere obblighi fiscali verso il paese in cui si trovano i suoi collaboratori.

Il livello di imposizione fiscale

Non dovresti necessariamente scegliere la giurisdizione con imposizione fiscale più bassa. Questo è un criterio importante, spesso la tua principale motivazione. Allo stesso tempo però considera la reputazione della giurisdizione, la normativa nel suo insieme, accanto alle caratteristiche del tuo business o gli scopi che hai.

Normativa in corso di evoluzione

Alcune norme che stanno cambiando sono importanti per la tua scelta.

I CFC rules del paese dove hai o avrai la tua residenza fiscale personale

Li ho citati sopra e chiarisco meglio di cosa si tratta. Molti paesi, tipicamente ad alta tassazione, hanno previsto norme (rules) sulle CFC (Controlled Foreign Corporations). Si tratta di regole relative alle società estere controllate, che hanno lo scopo di aumentare il gettito fiscale.

Molti altri paesi non hanno norme di questo tipo.

I CFC rules hanno l’obiettivo di ricondurre a tassazione il reddito prodotto da società estere (offshore) prodotto da cittadini o residenti fiscali di quel paese.

L’Italia è ovviamente un paese con CFC rules stringenti, e come dicevamo, se non hai in programma di cambiare la tua residenza fiscale personale, costituire una società all’estero non ha senso.

BEPS e legislazione in evoluzione

In questo periodo (inizio 2019) molte giurisdizioni tipicamente considerate “offshore” stanno cambiando la legislazione che disciplina le società, come conseguenza della crescente pressione esercitata dall’OCSE attraverso l’iniziativa BEPS (Base Erosion Profits Shifting) e dal FHTP (Forum on Harmful Tax Practices).

In coerenza con queste indicazioni, le società che sono costituite in queste giurisdizioni devono dimostrare requisiti di “sostanza economica” che giustifichino la scelta.

I cambiamenti che si stanno producendo nelle varie legislazioni sono di due tipi:

  1. nuovi requisiti che rendano più sostanziale la presenza della società. Per esempio lo svolgimento delle riunioni del consiglio di amministrazione.
  2. consentire anche ai residenti di queste giurisdizioni di accedere alle stesse forme societarie e agli stessi benefici fiscali che fino a ieri erano limitati ai soli non residenti che costituivano società in queste giurisdizioni.

Con tutta probabilità molte di queste giurisdizioni introdurranno sistemi di tassazione territoriale per continuare ad essere attrattive come centri di business internazionale dove il piccolo come il grande imprenditore possono costituire una società.

La complessità continua, e le opportunità cambiano. I paesi modificano leggi e strategie, gli imprenditori espatriati e le loro imprese devono essere al corrente dei cambiamenti in corso e preparare o cambiare le proprie strategie di conseguenza.

Se stai programmando il tuo espatrio o l’internazionalizzazione del tuo business, fai richiesta di una analisi preliminare.


>