Giugno 18

Cosa è un Trust? Cosa è una Fondazione?

0  comments

By Mario Gastaldi


Cosa è un Trust? Cosa è una Fondazione?

Il Trust e la fondazione sono istituti giuridici senza scopo di lucro che nascono con l’obiettivo tipico di isolare e proteggere il patrimonio oppure per la gestione delle successioni ereditarie, in modo snello, fiscalmente efficiente, e con una ragionevole riservatezza.

Contrariamente a quanto potreste pensare i costi di realizzazione sono accessibili, pienamente in linea con il nostro approccio con cui vogliamo dare a tutti voi accesso a strumenti sofisticati a costi ragionevoli.

Torniamo al nostro discorso.

La natura di entrambi, Trust e Fondazione, prevede che al momento della loro creazione o costituzione, sia definito uno scopo indicato nell’atto di costituzione della fondazione o nel regolamento del Trust.

Tra gli scopi tipici, a titolo di esempio, in modo molto generale:

  • protezione di attivi finanziari da cause legali temerarie, o non fondate;
  • pianificazione della successione ereditaria in modo fluido e fiscalmente efficiente;
  • modalità che assicurano una ragionevole o totale riservatezza
  • realizzazione di benefici fiscali significativi giacché in molti casi, a seconda della giurisdizione di costituzione, i redditi prodotti dagli attivi conferiti nel Trust o nella Fondazione non sono tassabili.

Cosa è un Trust

 

Funzionamento di un Trust
Questo è lo schema che descrive il Funzionamento di un Trust

Il trust è un veicolo in cui una persona, il “disponente” (o settlor in Inglese) trasferisce la proprietà legale di determinati attivi finanziari a un individuo o ad altra entità legale, denominata “fiduciario” (o trustee) dando disposizioni a favore del terzo soggetto, il “beneficiario” (beneficiary).

Una volta disposto, la proprietà legale degli attivi finanziari viene trasferita dal disponente al fiduciario. Mentre la proprietà beneficiaria appartiene al beneficiario. Nel Trust la proprietà legale e la proprietà fiduciaria, infatti, sono distinte.

Si tratta di un veicolo usato sin dal dodicesimo secolo, ed è tipico della “common law” del diritto anglosassone.

Non è un’entità legale con personalità giuridica. Non è un soggetto giuridico. Piuttosto è una relazione tra persone, in cui una – disponente – affida a un altra, il fiduciario, il compito gestire dei beni con l’obiettivo di proteggerli, assicurando gli interessi del beneficiario.

I beni, o attivi finanziari affidati al fiduciario possono essere di varia natura:

  • immobili
  • quote azionarie
  • beni mobili registrati: navi, aerei, vetture
  • opere d’arte
  • criptovalute

Può avere vari utilizzi:

  • Il disponente vuole che il fiduciario corrisponda un reddito al beneficiario, con durata vitalizia, o per un periodo di tempo;
  • il disponente vuole che gli attivi finanziari indicati nel trust siano utilizzati, corrisposti al beneficiario al verificarsi di una condizione, o al decorrere di un certo termine;
  • Il disponente vuole che il beneficiario, magari ancora troppo giovane, acquisisca la proprietà legale, solo al raggiungimento di una certa età;
  • il disponente vuole pianificare il trasferimento di quote societarie all’interno del piano di successione ereditaria.

Con il Trust, gli attivi vengono separati dalla proprietà del disponente. In questo modo, eventuali azioni legali che mirino ad attaccare gli attivi del disponente non hanno più senso dato che gli attivi non sono più nella proprietà del disponente.

Elementi del Trust

  • Disponente (settlor): la persona che dispone di affidare al Fiduciario le classi di attivo a cui ci si riferisce nel Trust;
  • Fiduciaro (Trustee); la persona giuridica o naturale a cui il disponente affida la gestione degli attivi del Trust;
  • Beneficiario: la persona a favore della quale il Trust viene disposto.
  • Regolamento: le indicazione con cui il disponentne disciplina l’attività del fiduciario nel Trust

A seconda della giurisdizione di residenza fiscale del disponente, la separazione della proprietà degli attivi indicati nel trust, può portare risparmi fiscali significativi.

Il trust non è soggetto a obblighi di registrazione, e infatti non viene registrato. Nessuno dei documenti che regolamentano un trust deve essere reso pubblico, con evidenti benefici in termini di privacy.

In estrema sintesi il Trust si utilizza per protezione dell’attivo, successione e pianificazione degli attivi. Non deve essere costituito nel paese di residenza fiscale del disponente. Il disponente può scegliere la giurisdizione dove costituirlo, dove trova la normativa più adatta alle sue esigenze. La condizione è che ci siano alcuni legami, per esempio il fiduciario si trova nella giurisdizione prescelta.

Tra le giurisdizioni in cui è possibile costituire Trust:

  • Cook Island,
  • Nevis,
  • Jersey,
  • Belize.

Cosa è una Fondazione

La Fondazione è una organizzazione no-profit che si costituisce per dare attuazione alla volontà del Fondatore. Il Fondatore, conferisce una dotazione di attivi nella Fondazione. Questi attivi vengono gestiti dal Consiglio della Fondazione per uno scopo specifico a vantaggio dei beneficiari.

La fondazione è uno strumento tipicamente disciplinato nei paesi di Civil Law (diversi dai paesi con la tradizione giuridica del Common Law). Anche le fondazioni risalgono al medio evo e sin da allora sono state utilizzate con scopi simili a quello del trust: protezione del patrimonio, gestione del patrimonio e successione.

Elementi della Fondazione:

  • Fondatore: la persona naturale o giuridica che costituisce la fondazione
  • Consiglio della Fondazione: l’organo con persone naturali o giuridiche che danno attuazione agli obiettivi della fondazione (simile al consiglio di Amministrazione di una Società)
  • Protettore: la persona naturale o giuridica che sovrintende alle attività del Consiglio e assicura che agisca in modo coerente con lo Statuto e il Regolamento
  • Lo Statuto della Fondazione, dove le regole di funzionamento, le attività e gli organi della fondazione sono definiti.

La fondazione è una entità legale costituita con personalità giuridica. Non è una relazione come il trust; è un soggetto giuridico, come lo è una società.

Non è tuttavia una società, e non è un trust, ma contiene elementi di ciascuno di questi istituti. Nella fondazione non ci sono azionisti, o soci, e non c’è l’obbligo di nominare beneficiari. È governata da un consiglio di Fondazione che rispetta lo Statuto o il Regolamento della fondazione. In questo senso, di nuovo, è simile a una società che ha uno statuto e un consiglio di amministrazione.

Il fondatore conferisce attivi nella fondazione. La fondazione detiene gli attivi, in un modo simile a quello con cui il fiduciario detiene gli attivi conferiti dal disponente, nel Trust. La fondazione deve avere uno scopo (filantropico o non filantropico) e deve indicare uno o più beneficiari. Nella fondazione non esiste il beneficiario con proprietà beneficiaria come nel trust. La fondazione, in un certo senso, è una entità senza proprietà anche quando gli attivi sono detenuti a vantaggio del o dei beneficiari.

Tra le giurisdizioni dove è possibile costituire una Fondazione, citiamo sicuramente

  • Panama,
  • Singapore,
  • Svizzera, poi
  • Cayman Islands,
  • Curacao,
  • Guernsey,
  • Jersey,
  • Liechtenstein.

Caratteristiche Comuni a Trust e Fondazione

Flessibilità e Discrezionalità

Esiste discrezionalità nel senso che il fiduciario (nel Trust) e il Consiglio (nella Fondazione) possono disporre degli attivi. Questa discrezionalità può essere ampia o molto ridotta, e viene disciplinata nell’Atto o nello Statuto o Regolamento.

Il fondatore (della fondazione), o il disponente (nel Trust), possono nominare un protettore che controlli l’operato del fiduciario o del Consiglio (della Fondazione) riguardo alle attività di gestione degli attivi affidati. Nella Fondazione, il Fondatore può coincidere con il Beneficiario o far parte del Consiglio. Nel Trust, il Settlor – Disponente – può coincidere con il Trustee – Fiduciario.

Il disponente di un trust può riservare dei poteri a se stesso o ad altri membri della sua famiglia. Allo stesso modo, il fondatore della fondazione, può disciplinare il regolamento in modo da riservare a se stesso dei poteri nell’attività della fondazione.

Riservatezza

Non c’è alcun obbligo di registrare il Trust, o che alcun documento relativo sia reso pubblico. Il Trust può essere completamente privato.

L’esistenza della Fondazione come tale, sarà normalmente pubblica. Ma è molto semplice assicurare che restino private le identità del fondatore, dei beneficiari o lo scopo della fondazione.

Vantaggi del Trust

A prima vista si potrebbe dire che sono più facili da creare. É sufficiente dare certezza dell’intenzione del disponente e del fiduciario di creare il Trust e indicare gli attivi e l’oggetto del Trust (scopo e beneficiari). Il Trust viene in Esistenza quando il primo elemento dell’attivo viene effettivamente conferito nel Trust, ovvero la proprietà legale viene trasferita a favore del Fiduciario.

Peraltro, dietro la apparente semplicità, esistono molti elementi di complessità che riguardano le circostanze del disponente e dei beneficiari, gli obiettivi del disponente, le variabile fiscali. Ne consegue un intreccio di possibilità che suggerisce di richiedere sempre l’assistenza più qualificata per la costituzione di un Trust.

Vantaggi della Fondazione

Le Fondazioni sono un istituto per persone che hanno residenza fiscale in giurisdizioni di Civil Law, in cui il concetto di Trust potrebbe essere meno familiare.

Le fondazioni sono soggetti giuridici con personalità giuridica propria. La proprietà legale e la proprietà beneficiaria restano nella fondazione. Data la personalità giuridica della Fondazione, la Fondazione può intrattenere rapporti giuridici, comprare vendere, assicurare. concludere contratti.

Il Regolamento della Fondazione può essere scritto in modo che non sia richiesto che la fondazione o i suoi organi, il protettore o il consiglio, condividano alcuna informazione con i beneficiari. Nel Trust, tipicamente, il beneficiario ha diritto ad almeno alcune informazioni di base sul Trust ed i suoi obiettivi, data la peculiare “proprieta beneficiaria”

La fondazione può essere revocabile o irrevocabile

Conclusione: Quale Scegliere tra Trust e Fondazione

Entrambi sono istituti con forte tradizione e solidità. Ci sono alcune differenze nella normativa che regolamenta sia i Trust che le Fondazioni nelle varie Giurisdizioni d’interesse. Si tratta di valutare le diverse giurisdizione e le norme che disciplinano ciascuno dei due istituti: Trust e Fondazione rispetto alle specifiche circostanze e agli obiettivi del Disponente o Fondatore.

Gli elementi che si osservano con più attenzione sono: – Trattamento fiscale – Privacy e riservatezza – Protezione degli attivi.

Ti ho parlato di cosa è un Trust, e cosa è una Fondazione. Qui trovi un approfondimento sul Trust (in Inglese). Ovviamente ci sono molti altri punti da trattare. Scrivi pure nei commenti se hai delle domande generali. Per ricevere assistenza e consulenza riguardo alla scelta tra Trust e Fondazione mettiti in contatto.

Mario Gastaldi

About the author

Mario Gastaldi é il fondatore di expatr.io, speaker, imprenditore e consulente internazionale ha condotto progetti con piccole e grandi imprese in decine di paesi diversi. Ora aiuta imprenditori e persone a cambiare paese riorganizzando il proprio business.
Parla quattro lingue; ha abitato in tutti i cinque continenti sviluppando una profonda conoscenza delle leggi e della società dei tanti paesi con cui entra in contatto..
Ama conoscere usi e costumi, lingue e dialetti locali. Ora che viaggia meno, e vive stabilmente a Città di Panama.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Iscriviti alla nostra newsletter.

>